Con te p. Pier Luigi, soffriamo, preghiamo e aspettiamo

Abbiamo ricevuto la notizia del rapimento del nostro compagno e amico p. Pier Luigi Macalli 13 mesi fa come oggi. Ricordo ancora di aver ricevuto la telefonata quando avevo appena celebrato la messa nella mia parrocchia di Bugu, in Benin, e che tutti, compresi i fedeli che mi avevano accompagnato, rimanemmo esterrefatti, senza poter dire più una parola.

E le domande sorgono immediatamente: “perché? chi ha potuto fare questa cosa? che male abbiamo fatto?”

E anche: “perché Dio l’ha permesso?” come mi aveva detto Elisabeth, una giovane della parrocchia.

Diversi mesi dopo, due nostri missionari spagnoli furono costretti, con il dolore nel cuore, a lasciare la missione di Torodi a causa del rischio che correvano essi pure di essere rapiti o uccisi. Grazie a Dio, in questi giorni stanno preparandosi a tornare in Niger, ma a Gaya, molto più a sud, vicino al confine con il Benin, una zona relativamente più tranquilla.

Un anno dopo, ora da Madrid dove mi trovo come Provinciale della SMA spagnola, non ho ancora le risposte a tutte queste domande, poiché tutto è rimasto in silenzio. La SMA della Spagna lo scorso 17 settembre ha voluto ricordare p. Pier Luigi con una grande celebrazione dell’Eucaristia, alla quale abbiamo invitato i nostri collaboratori, amici e tutte le persone di bene.

Uno striscione era appeso di fianco all’altare, che diceva “Con te p. Pier Luigi, soffriamo, preghiamo e aspettiamo”. Esso riassume ciò che stiamo vivendo. Siamo tutti uniti a p. Pier Luigi, e con lui soffriamo la sua prigionia immaginando cosa sta provando in questi momenti. Con lui ci uniamo nella preghiera che è l’unica cosa che possiamo fare da qui. E da ultimo con lui aspettiamo la sua rapida liberazione mentre diciamo che la speranza è l’ultima cosa si perde.

Allo stesso tempo, abbiamo partecipato a più interviste televisive, radiofoniche e di stampa, per far conoscere la situazione di p. Pier Luigi e la realtà del Niger, e invitare tutti a unirsi alla catena di preghiera con la preghiera che abbiamo stampato e distribuito durante le celebrazioni, e che trovate qui sotto in foto.

A poco a poco, siamo diventati molti che preghiamo per la sua liberazione ogni giorno. Una foto di p. Pier Luigi è collocata sull’altare della nostra cappella, e ci aiuta a unirci a lui e a tutti i missionari confratelli che lavorano in questa zona dell’Africa.

Dio ci benedica!

P. Marcos Delgado Arce
Provinciale della SMA di Spagna

2019-10-17T10:57:32+00:00 17 ottobre 2019|Categories: news sma|Tags: , |