Attaccata dai jihadisti la scuola di p. Gigi

La scuola costruita da p. Gigi Maccalli a Bomoanga attaccata e vandalizzata

Nella sera di sabato 19 ottobre, vigilia della Giornata Missionaria, proprio dove oltre 13 mesi fa è stato rapito P. Pierluigi Maccalli, il villaggio di Bomoanga e quello adiacente di Kiki hanno visto le loro scuole vandalizzate da presunti jihadisti” comunica da Niamey all’Agenzia Fides p. Mauro Armanino, missionario della SMA.

Secondo il sito ‘Actuniger’ gli attaccanti sono arrivati, come di consueto, con motociclette. “Le forze governative sembrano incapaci di fermare questa onda distruttiva. P. Pierluigi e la diocesi di Niamey erano stati coinvolti nel progetto per la costruzione di scuole tra cui una statale”, afferma il missionario.

“Questo fatto grave, perché colpisce direttamente i figli dei contadini, i più poveri oggi nel Paese, non fa che confermare l’instabilità della regione frontaliera col Burkina Faso. In questo Paese ai bambini cui viene impedito di usufruire del diritto all’educazione scolastica sono ormai migliaia” conclude p. Mauro.

Il vescovo di Crema scrive a quello di Niamey

Appresa la notizia dell’attacco dei terroristi alla scuola costruita da p. Gigi Maccalli a Bomoanga, il vescovo di Crema ha scritto a Mons. Laurent Lompo, vescovo di Niamey, per manifestargli solidarietà e preghiera:

“Caro Vescovo Laurent,

ho saputo che la scuola costruita con l’aiuto di p. Gigi Maccalli a Bomoanga è stata oggetto di atti di violenza e di saccheggio, sabato 19 ottobre.

La cosa è accadute mentre, a Crema, celebravamo la Beatificazione di padre Alfredo Cremonesi, missionario martire del PIME, nato in diocesi di Crema nel 1902 e ucciso in Birmania nel 1953. Il cardinale Angelo Becciu, che ha presieduto la Messa di Beatificazioni, ci aveva chiesto di pregare, per intercessione del nuovo beato, per la liberazione di padre Gigi… Ed è successo questo nuovo crimine!

La nostra fede ha bisogno davvero di essere sostenuta dalla forza dello Spirito Santo, per non cadere nello smarrimento e per continuare a pregare continuamente e senza stancarci, come ci chiedeva il Signore nel Vangelo di domenica scorsa.

Abbia per certa, Eccellenza, la nostra amicizia nella fede e nella speranza per la vostra Chiesa, così messa alla prova. Continuiamo a rivolgerci a Dio, per intercessione del beato Alfredo Cremonesi, perché dia alla vostra Chiesa la pace, la tranquillità, la gioia; perché doni la libertà a p. Gigi Maccalli; perché dia a tutti i cristiani la forza di testimoniare il Vangelo e renda ogni uomo e donna di buona volontà capace di adoperarsi per la giustizia e la verità.

In spirito di fraternità episcopale, vostro Mons. Daniele Gianotti”

E continua rivolto a tutti noi:

“Invito tutti a continuare con perseveranza nella preghiera per p. Gigi Maccalli, per i suoi famigliari, la SMA, per la parrocchia di Bomoanga e la diocesi di Niamey, attraverso l’intercessione del Beato Alfredo Cremonesi.”

2019-10-24T17:43:46+00:00 24 ottobre 2019|Categories: news sma|Tags: , |