Il Superiore Generale della SMA, p. Antonio Porcellato, ha inviato da Roma una testimonianza su p. Gerardo Bottarlini, che è stata letta durante la messa delle esequie, questa mattina 4 maggio. La messa è stata presieduta dal Vescovo ausiliare di Genova, mons. Nicolò Anselmi, e concelebrata da un folto gruppo di preti, diocesani di Genova e padri SMA.

“Con il Consiglio Generale e tutta la comunità della Casa Generalizia di Roma, vorrei esprimere un grande grazie al Signore per i 50 anni di vita missionaria nella Società delle Missioni Africane di P. Gerardo. Tra Italia e Costa d’Avorio, egli ha sperimentato una grande varietà di ministeri, chiamato anche a compiti di grande responsabilità cui ha risposto sempre con disponibilità semplice e concreta.

Forse gli anni in cui ha gustato con più intensità la grazia della vocazione missionaria sono stati quelli del primo annuncio del Vangelo tra il popolo Lobi, a Bouna, nell’estremo nord della Costa d’Avorio.

Ma come non ricordare anche la profetica presenza tra e per i fratelli e le sorelle migranti nel centro storico di Genova, intorno al chiostro di Santa Maria delle Vigne. Dappertutto ha dato un esempio di grande bontà.

È stato sostenuto e ispirato dalla spiritualità del Movimento dei Focolari nel farsi tutto a tutti, sull’esempio di San Paolo. Si riconosceva in una espressione dell’Apostolo che viveva come sua parola di vita: “Mi affatico e lotto con la forza che viene da Cristo e che agisce in me potentemente” (Col 1, 29).

Come tanti altri confratelli, anch’io dico un grazie particolare a P. Gerardo, mio direttore spirituale negli ultimi anni di formazione e amico fedele e saggio da cui ho imparato la concretezza dell’amore.

Grazie P. Gerardo. Entra nella gioia del tuo e nostro Signore e aiuta anche noi tutti ad arrivarci un giorno.”

Roma, 2 maggio 2021

P. Antonio Porcellato, SMA, Superiore Generale